Unicredit, anche certificati Corridor sotto divieto ESMA

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Esma riabilita i certificati Corridor

Unicredit bank ha quotato sul SeDeX di Borsa italiana 127 nuovi prodotti, mentre Société Générale ha ripreso la quotazione degli strumenti sospesi, ampliando la gamma di 100 ulteriori certificates

di Alberto Micheli MF – Numero 196 pag. 19 del 05/10/2020

tempo di lettura

Il 21 settembre scorso, l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (Esma) ha confermato il divieto di commercializzazione, distribuzione e vendita di opzioni binarie alla clientela retail. Un primo divieto era già stato imposto lo scorso 2 luglio, con validità tre mesi e con questa nuova disposizione Esma ha di fatto prorogato le restrizioni commerciali sulle opzioni binarie per altri tre mesi, ridefinendo però i limiti di applicazione del divieto ed escludendo espressamente dallo stesso i prodotti che soddisfino tre criteri vincolanti: a) opzioni binarie emesse con una durata minima di tre mesi, cioè per le quali sussista «un termine di almeno 90 giorni di calendario intercorrente tra l’emissione e la scadenza»; b) opzioni binarie per le quali è stata predisposta «la pubblicazione di un prospetto redatto e approvato in osservanza della direttiva 2003/71/Ce»; c) opzioni binarie che «non espongono il fornitore al rischio di mercato durante il suo termine e per le quali il fornitore o una qualsiasi entità del suo gruppo non ottengono profitti né subiscono perdite derivanti dall’opzione binaria in questione, fatta eccezione per le commissioni, gli onorari delle operazioni e altre spese correlate comunicati in precedenza». In sostanza, Esma ha dichiarato ammissibili i prodotti che vengono emessi con una logica temporale non eccessivamente ristretta, che siano approvati dall’autorità competente di uno Stato membro e soprattutto per i quali non sussistano potenziali conflitti d’interesse: come chiarisce infatti Acepi (Associazione Italiana Certificati e Prodotti d’Investimento) il terzo punto prevede che l’emittente di un’opzione binaria «elimini il rischio legato alla messa a disposizione di questi prodotti per mezzo di operazioni in derivati di copertura», in virtù delle quali lo stesso emittente «non assume una posizione di mercato opposta a quella dell’investitore ed è, anzi, neutrale rispetto al rischio di mercato».
La stessa Acepi ha quindi voluto sottolineare come «i certificati aventi denominazione commerciale Corridor emessi da alcuni suoi associati e negoziati sul mercato SeDeX di Borsa Italiana soddisfino i sopra menzionati criteri (. ) Pertanto, Acepi ritiene che, dal 2 ottobre 2020, i Corridor possano essere nuovamente distribuiti, venduti e promossi con attività di marketing presso la clientela al dettaglio».
Detto, fatto: martedì scorso, 2 ottobre, sia Unicredit sia Société Générale hanno predisposto la quotazione in borsa di un nuovo pacchetto di certificati Corridor. Più precisamente, l’operatore italiano ha quotato sull’Mtf SeDeX di 127 nuovi Corridor su 23 azioni italiane ( Atlantia, Banco Bpm, Enel, Eni, Exor, Ferrari, Fiat Chrysler, Generali, Intesa Sanpaolo, Juventus FC, Leonardo, Mediaset, Mediobanca, Moncler, Prysmian, Saipem, Salvatore Ferragamo, Stm, Telecom, Tenaris, Tod’s, Ubi Banca e UnipolSai), due europee ( Deutsche Bank e Société Générale) e tre indici europei (Ftse Mib, EuroStoxx50 e Dax), mentre quello francese ha ripreso a quotare in bid e ask i suoi vecchi Corridor che erano stati sospesi e ha deciso di ampliare la gamma quotando 100 nuovi certificati su sette azioni italiane ( Generali, Enel, Eni, Fiat Chrysler, Intesa Sanpaolo, Telecom e Unicredit), tre indici azionari (Ftse Mib, Dax ed EuroStoxx50), due commodity (Oro e future su Petrolio WTI) e il tasso di cambio euro/dollaro.
I Corridor sono strumenti altamente speculativi e rischiosi, che esprimono il loro massimo potenziale in assenza di un trend marcato. In apparenza molto semplici, sono però quotati nella classe dei prodotti «esotici» e richiedono un elevato livello di preparazione. I Corridor prevedono la possibilità d’investire su uno specifico sottostante con l’aspettativa che il suo valore rimanga all’interno di un «corridoio» prefissato per tutta la vita dello strumento. Tale corridoio è delimitato da due cosiddette «barriere», una superiore e una inferiore, entrambe di tipo americano, cioè valide su base intraday. Se il sottostante saprà mantenersi all’interno del range previsto fino a scadenza, il Corridor sarà liquidato a un prezzo fisso di 10 euro, mentre in caso contrario, l’investitore perderà integralmente il capitale investito: sarà cioè sufficiente che una delle due barriere venga compromessa anche solo una volta nel corso della vita dello strumento, per decretare il knock-out e il contestuale azzeramento della posizione. A differenza dei più comuni prodotti con barriera, nei Corridor le soglie di knock-out sono due e sono collocate in entrambe le direzioni: il rischio è quindi molto maggiore.
Non esiste inoltre una relazione lineare tra l’andamento del sottostante e quello del certificato, dal momento che non è prevista una partecipazione di alcun tipo alla performance dell’asset di riferimento: nel corso della vita dello strumento, il prezzo del Corridor si muoverà tra zero (rimborso minimo) e 10 euro (rimborso massimo), scontando di volta in volta una maggiore o minore probabilità di evento knock-out. I fattori che potranno incidere su tale probabilità saranno evidentemente la distanza del sottostante dalle due barriere, ma anche la vita residua del certificato e la volatilità del sottostante stesso. Per quanto riguarda il primo aspetto, il minore rischio di evento barriera si avrà quando il sottostante sarà esattamente al centro del corridoio di oscillazione, cioè alla massima distanza possibile da entrambe le barriere. Quanto più il sottostante si sposterà verso una delle due barriere, tanto più il rischio di knock-out tenderà ad aumentare. A ridosso delle barriere il certificato avrà un prezzo molto basso e quindi un effetto leva molto spinto. Per quanto riguarda la vita residua, si può invece apprezzare come il passare del tempo abbia un effetto positivo: a parità di altre condizioni, quanto più vicina sarà la scadenza, tanto minore sarà la probabilità di un evento barriera e quindi maggiore sarà il valore del certificato. Si tratta di una relazione opposta a quella della maggior parte dei prodotti speculativi (per esempio i covered warrant), per i quali il «time decay» ha invece un effetto corrosivo. E anche la relazione con la volatilità del sottostante è di fatto inversa: più basso sarà questo parametro, maggiore sarà il valore del relativo certificato. I Corridor scommettono sulla stabilità del mercato e quindi meno un asset tenderà a muoversi, meno correrà il rischio di compromettere una delle due barriere. (riproduzione riservata)

Unicredit, anche certificati Corridor sotto divieto ESMA

Il divieto dell’ESMA nei confronti delle opzioni binarie e dei CFD colpisce anche Unicredit che attraverso una nota rende pubblico come il provvedimento chiami in causa anche i suoi certificati Corridor e la loro commercializzazione sopra le piattaforme digitali dell’istituto di credito in questione.

Va ricordato che i Corridor sono attualmente quotati sul mercato SeDeX di Borsa Italiana. Come è possibile leggere nel comunicato diffuso da Unicredit è pertanto “è proibita temporaneamente, a partire dal 2 Luglio 2020, ogni attività di commercializzazione, distribuzione e vendita delle opzioni binarie alla clientela al dettaglio nell’Unione Europea”. Non solo: la banca ha anche deciso di sottolineare, giustamente, come a partire da 2 luglio la stessa ha provveduto “all’esclusione della clientela al dettaglio dal mercato di riferimento (target market) degli strumenti Corridor” ed ha limitato “l’attività di market making relativa ai Corridor alla sola esposizione di proposte di negoziazione in modalità di acquisto (bid only)”.

Per quanto molto severo il provvedimento messo a punto dall’ESMA si è reso necessario per evitare che risparmiatori non preparati perdessero i propri soldi giocando d’azzardo in un mercato dove la perdita non solo era possibile ma rischiava di essere anche molto consistente. Cosa fare ora? Di certo è consigliato cambiare tipologia di investimento, magari puntando su mercati più sicuri e strumenti meno “azzardati”. E’ bene ricordare tra le altre cose che dal prossimo 1° agosto è prevista, per i Contratti per differenza una una restrizione alla commercializzazione, distribuzione o vendita agli investitori al dettaglio su valori ben precisi: è bene affidarsi al proprio broker di fiducia e farsi indicare la reazione migliore.

Unicredit, anche certificati Corridor sotto divieto ESMA

Il divieto dell’ESMA nei confronti delle opzioni binarie e dei CFD colpisce anche Unicredit che attraverso una nota rende pubblico come il provvedimento chiami in causa anche i suoi certificati…

Opzioni binarie oramai bandite in tutta Europa. Dove andare?

Le opzioni binarie sono ormai morte, in tutta l’Europa. Uno stop dovuto alle forti perdite, a protezione degli investitori, in particolare i principianti. Molti siti sono già bloccati. Sono quelli…

di Daniele Pace – 30 Giugno 2020

Divieto Esma su opzioni binarie scatta il 2 luglio

Le date degli stop in materia di opzioni binarie e CFD volute dall’Esma per ciò che concerne l’Europa sono state rese note: vediamo insieme come verranno applicate rispettivamente dal 2…

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Best Broker Awards 2020, Plus500 vince per le CFD

Tra i vincitori degli Best Broker Awards 2020 a spiccare in particolare, per la vittoria di miglior broker per le CFD è stato Plus500, il quale si sta rivelando un…

Anche la Gran Bretagna limita criptovalute e opzioni binarie

Anche la Gran Bretagna decide di limitare le opzioni binarie e le criptovalute, con un intervento molto forte della FCA, la Financial Conduct Authority, la nostra Consob. Le limitazioni sono…

di Daniele Pace – 25 Maggio 2020

Opzioni binarie sulla via del tramonto. Puntare sulle criptovalute?

Le opzioni binarie sono ormai sul viale del tramonto, dopo il divieto dell’Esma di vendita di questi prodotti finanziari ai piccoli risparmiatori. C’era da aspettarselo. Molti operatori stanno semplicemente deviando…

di Daniele Pace – 30 Aprile 2020

Forex pronto a sostituire le opzioni binarie per gli investitori?

Forex pronto a sostituire le opzioni binarie per gli investitori? Teoricamente sarebbe sbagliato definirla sostituzione, ma dopo la stretta dell’Ema alla fine di marzo sembra proprio che coloro che amavano…

Esma vieta vendita opzioni binarie al retail

La stretta sulle opzioni binarie si fa sempre più forte: L’Esma, l’autorità’ europea degli strumenti finanziari e dei mercati ha infatti vietato la commercializzazione, la distribuzione o la vendita delle stesse…

I mercati in questo mese rallentano

Marzo è stato un mese difficile per i mercati, tra alti e bassi. Si sono registrati nuovi records, ma anche brutti tonfi. Un’opportunità per chi ha saputo districarsi tra le…

di Daniele Pace – 30 Marzo 2020

Opzioni binarie in Europa, sempre più vicina chiusura

Le opzioni binarie in Europa sono sempre più vicine al divieto. E se questo non avverrà è abbastanza sicuro immaginare che molti cambiamenti verranno comunque posti in atto: il rapporto delle…

Opzioni binarie, come usare la Consob contro truffe

di Valentina Cervelli

Binarium, broker post Esma conveniente?

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, come difendersi dalle truffe

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie e opzioni digitali: le differenze

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie e CFD: Consob vuole regole Esma permanenti

di Valentina Cervelli

OpzioniBinarieLive is part of the network IsayBlog! whose license is owned by Nectivity Ltd.

Managing Editor: Alex Zarfati

OpzioniBinarieLive è un sito esclusivamente divulgativo e non può essere ritenuto responsabile degli investimenti effettuati dagli utenti.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Investimento intelligente
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: